Linea vita perché?

 

Cos’è la linea vita?

La linea vita o linee vita (secondo la norma UNI EN 795) è un insieme di ancoraggi posti in quota sulle coperture alla quale si agganciano gli operatori tramite imbracature e relativi cordini che può essere temporaneo o stabile.

In tutte le situazioni di lavoro in quota è necessario che i lavoratori siano dotati di adeguati sistemi di protezione anticaduta che assicurino l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori in piena sicurezza.

Linea Vita

La linea vita è obbligatoria?

L’installazione di una linea vita è necessaria in quanto tutte le abitazioni e i capannoni ad uso industriale necessitano di manutenzione delle parti costruttive sottoposte alle intemperie. In aggiunta alle ristrutturazioni complete della copertura, ci sono anche interventi di manutenzione per far durare più a lungo la copertura o anche ad esempio installazione/manutenzione di impianti fotovoltaici o antenne.

Sulla base del D.L. 81/2008 (Testo unico sulla sicurezza sul luogo di lavoro), l’installazione di dispositivi di ancoraggio permanenti (linea vita) è obbligatorio quando la copertura diventa “luogo di lavoro”.

Il tetto di un’abitazione o di un capannone industriale è luogo di lavoro quando vengono eseguiti interventi di bonifica, rifacimento del tetto, installazione o manutenzione di impianti fotovoltaici e solari, interventi su antenne e in tanti altri casi.

In Emilia Romagna dal 31/01/2015 è in vigore la legge regionale 15/2013 che prevede l’obbligo di installazione della linea vita e dei dispositivi di ancoraggio sulle coperture e sulle facciate, così da limitare il rischio di cadute durante interventi di manutenzione o di altra natura sia negli edifici pubblici o privati di nuova costruzione sia in caso di interventi sull’involucro esterno di edifici esistenti.

Hai trovato utile quest’articolo? Lascia un commento per avere più informazioni sugli obblighi della linea vita.

Commenti

Commenti

Torna alla Home del Blog